Congedo di maternità 5 mesi dopo il parto: indicazioni dell’Inps


La madre lavoratrice può fruire del congedo di maternità dal giorno successivo alla data effettiva del parto e per i 5 mesi successivi spuntando la specifica opzione, pertanto, in via transitoria, l’applicazione “Domande di Maternità online”, disponibile sulla Intranet nell’area “Prestazioni a sostegno del reddito”, è stata integrata per consentire agli operatori delle Strutture territoriali di visualizzare le relative domande di maternità.


A decorrere dal 1° gennaio 2019, la legge di bilancio 2019, riconosce alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l’evento del parto entro i 5 mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.
Al fine di salvaguardare i diritti delle madri che intendano avvalersi della facoltà di astensione esclusivamente dopo l’evento del parto, le stesse possono esercitare l’opzione presentando domanda telematica di indennità di maternità, spuntando la specifica opzione. In via transitoria l’applicazione “Domande di Maternità online”, disponibile sulla Intranet nell’area “Prestazioni a sostegno del reddito”, è stata integrata per consentire agli operatori delle Strutture territoriali di visualizzare le domande telematiche per i congedi di maternità con richiesta di fruizione esclusivamente dopo il parto. E’ stata inserita la funzionalità “Domande con fruizione esclusiva dopo il parto” all’interno della voce “Liste” che permette di visualizzare e stampare la lista delle domande pervenute alla Struttura territoriale, acquisite on-line dal cittadino, dal Contact Center o dal patronato, ad esclusione di quelle annullate o con PIN non dispositivo.
Per gli utenti abilitati, relativamente alle domande di competenza della propria Struttura, tale funzionalità mette a disposizione opzioni di ricerca che consentono di filtrare le domande all’interno di un periodo indicato. Il Direttore della Struttura territoriale o il suo delegato possono abilitare altri utenti sia interni che esterni alla propria Struttura territoriale.
È stata aggiornata anche la funzione “Calcolo congedo di maternità” che permette di simulare il calcolo del congedo di maternità spettante in base alle informazioni inserite.